Padri (e) precari

30 06 2009

Vignetta tratta da: http://www.vitaquotidiana.com/index.php/vita-quotidiana/essere-precario-oggi/

Oggi mi va di parlare di padri separati e di precariato.

Ma come? Direte voi….. cosa c’entra una cosa con l’altra? C’entra, c’entra……..

Ieri sera ero in un locale a mangiare una pizza con il mio compagno e con suo figlio. Vi dico solo che questo bimbo di 5 anni si chiama Salvatore, ed ebbene sì…in nomen omen……Lui mi ha salvata. Se è vero che amo furiosamente suo padre, ho una passione insana per questo bimbo che è diventata una delle mie ragioni di vita. Con lui si gioca, si parla, si litiga pure, ma quando lui mette la sua mano nella mia mentre camminiamo….o mi poggia la testa sulle spalle prima di addormentarsi….. beh, sono i momenti che mi fanno sentire viva, capace di amare, capace di dare.

Con lui ho scoperto le mie potenzialità di madre, che devo dire sono particolarmente spiccate, anche se poi nei fatti tendo – ovviamente – a pormi più come un’amica, come una sorella maggiore.

Ma non divaghiamo.

Dicevo, qualche tavolo più in là c’era un padre con un figlio. Nota bene: il padre era sprovvisto di fede. Il ragazzo avrà avuto circa 10-11 anni. Mangiavano in silenzio, senza dirsi una parola. Mi sono subito fatta il seguente film mentale: quello era un padre separato che nella sera in cui gli spettava l’affidamento del figlio lo aveva portato fuori. Ma erano due persone tristi. Chissà quante cose avrebbe voluto sapere quel padre, della scuola, dello sport, degli amici del figlio…Però non chiedeva, ed il ragazzo non raccontava. Un padre precario, un figlio silenzioso.

Qualche tavolo più in là, noi tre. Salvatore che ride, fa casino, e noi che cercando di soffocare i (nostri) sorrisi gli chiediamo di fare piano e di non disturbare gli altri. Niente da fare. Un ciclone, un piccolo tsunami di allegria e  confusione. Mi sono chiesta cosa ci rendesse così diversi da quell’altro padre, da quell’altro figlio. Forse l’età, forse i tempi ed i modi della separazione dei genitori, forse il carattere. Oppure il fattore X: io. Che di precariato me ne intendo.

Ecco, siamo arrivati al secondo punto. Ieri sono andata a visionare i lavori della mia nuova casa, che tra un mesetto (cantiere permettendo) sarà pronta. Bellissima, fantastica, a mia immagine e somiglianza. E come sapete, la coccolo nei miei pensieri da più di un anno, e non vedo l’ora di farne il mio nido (vedi due post fa).

Ho già un abbozzo di famiglia, che pur non essendo stata creata da me, ho deciso di adottare (o forse è lei che ha adottato me?!).

E poi? Ta-dà…..il dramma, l’apocalisse, l’epilogo spaventoso:oggi scade il mio contratto a tempo determinato. Dopo quasi 10 anni di onorevole lavoro presso un Ente pubblico, causa un inaspettato cappotto elettorale, il nuovo presidente (di destra), senza neppure conoscerci, senza neppure aver avuto modo di valutare i nostri meriti di servizio, senza neppure guardarci in faccia, nonostante l’esistenza di un’adeguata copertura finanziaria……ha brutalmente deciso di non prorogare i contratti di una quaratina di colleghi, precari come me. Padri di famiglia, donne con figli piccoli, persone che in questi anni hanno contratto mutui, etc.

Da domani tutti disoccupati. Da domani con tanto tempo libero per dedicarci ai nostri hobby e allo shopping (in senso ironico eh?!). Nulla hanno potuto i sindacati, o i dirigenti per cui abbiamo sempre lavorato – oltre l’orario di servizio, no ferie, no straordinario pagato, facendo vincere al nostro Ente concorsi nazionali per l’innovazione, la comunicazione, l’originalità.

Puff!! Tutto scomparso, dieci anni nel gabinetto. Per una sorda, incomprensibile, ripicca politica che altro non è, ai nostri occhi, solo mera cattiveria.

Da domani sarò disoccupata. Da domani avrò più tempo da dedicare a Salvatore, e per seguire i lavori della mia nuova casa. Ma il mutuo come lo pagherò, ehhhhhhhhhhhhhhhhh????????????????

Annunci

Azioni

Informazione

5 responses

30 06 2009
arthur

Eh già, alla fine, delle ripiccche politiche e soprattutto della chiusura mentale di certi amministratori, chi ci fa le spese sono sempre i lavoratori… probabilmente ha qualcun altro da mettere al vostro posto, favori in cambio di favori, il famoso voto di scambio…

In bocca al lupo!

ps: ti ho vista da Stella e da Diemme, bel blog, complimenti.

4 07 2009
Diemme

Credo che con una bella vertenza riusciate a farvi riconfermare il contratto, dieci anni non possono più essere difiniti “a progetto”, “cococo”, “tempo determinato”, e compagnia cantando.

In teoria dovreste avere la vittoria in tasca e, se il vostro sindacato ha gettato la spugna, non gettatela voi (di sindacati ce ne sono tanti, di avvocati del lavoro pure, persino disposti a essere pagati, in questo caso più profumatamente però, solo in caso di vittoria).

Per il resto tento di tornare, è persino troppo quello che ho da dire sui figli di “lui” (una del primo marito, due del successivo compagno), che mi hanno ridato vita e che ho amato, ma che poi…

A rileggerci!

25 09 2009
Carmine

Ciao Liviana, sono molto dispiaciuto per questa tua situazione, spero che da giugno ad oggi sia cambiato qualcosa, ma ti contatto perchè sono io l’autore della vignetta di sopra: http://www.vitaquotidiana.com/index.php/vita-quotidiana/essere-precario-oggi/
Ti chiedo gentilmente almeno un link al mio blog, o altrimenti di rimuovere l’immagine
Grazie

25 09 2009
livyxb

La situazione si è risolta con una “proroga” di 6 mesi. Un contentino, e a dicembre vedremo.
Per la vignetta hai ragionissima! Spero di aver rimediato….
Con mille scuse, L.

26 09 2009
Carmine

Sono contento per te per la proroga….anche se dopo 6mesi sarai allo stesso punto di partenza….nell’INCERTEZZA…ma meglio di niente….
Non preoccuparti, scuse accettate, anche se non c’è n’era nemmeno bisogno…tranquilla…..in ogni caso grazie del link….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: