Incubus

17 09 2009

Stamattina proprio non riesco a riprendermi. Dormo così bene nel mio letto viola che era da un bel po’ che non facevo uno dei miei sogni deliranti.

Invece stamattina mi sono svegliata con dentro agli occhi ancora delle immagine alquanto strane e mi sono detta: “devo assolutamente scriverci un post”. Chissà che qualcuno dei miei autorevoli lettori non riesca a darmene un’interpretazione.

Allora, la location: amena cittadina turistica in riva al mare, tipo Otranto, ma non era Otranto, io lo so per certo. Viuzze, negozietti di souvenir, tendoni arancioni dei bar.  Passeggio con mia mamma, tutto sommato ho una bella sensazione.

Entriamo in un ristorantino, che poi si rivela un gigantesco hotel con sala conferenze. E, orrore degli orrori, è in pieno svolgimento la convention mondiale del Popolo delle Libertà. Ci troviamo incastrate in questo salone con gente che batte le mani fino a scorticarsi la pelle, quarantenni impomatati ed incravattati con al seguito famigliole-mulino-bianco.

Urge scappare, ma la porta principale è chiusa, sbarrata. Unica via di fuga: le porte-finestre dietro ai tavolini imbanditi. Trascino mia mamma verso la salvezza, calpestando “azzurri” a più non posso, scavalchiamo le fioriere e finalmente siamo all’aria aperta. Ma davanti a noi una salita ripida e sterrata. “Vado avanti io e poi ti aiuto a salire” dico a mia mamma. Lascio la sua mano e comincio ad arrampicarmi, a salire, salire, mi inerpico su una scala di ferro e poi ancora su, fino a trovarmi nella torretta di una gru (?!), da cui è praticamente impossibile scendere. Guardo le case, i tetti, capisco che per salvarmi dovrei chiamare forse i pompieri, la protezione civile, l’aviazione, oppure King Kong. Ma dato che non sono bionda preferisco non rischiare e rimango lì.

In questo sogno terribile la cosa che mi ha spaventata – chevelodicoafare – è ovviamente la concentrazione di azzurri schiamazzanti, molto di più che le vertiginose altezze raggiunte nella mia spasmodica fuga.

Ora, saltando eterea di palo in frasca, anche se non c’azzecca niente, l’occasione è gradita per comunicarvi che ho candidato questo mio post al Macchianera Blog Awards…. inoltre ho dato le mie preferenze anche a molti dei vostri blog, ma siccome il voto è ancora (per il momento) segreto non dirò a quali, nemmeno sotto tortura. 

 

Se voleste ricambiare la cortesia, potete cliccare qui.

Annunci

Azioni

Informazione

8 responses

17 09 2009
Presidente di Bananas Republik

“la convention mondiale del Popolo delle Libertà”

noooo…….. ma come si fa a sognare roba simile….che hai mangiato la notte prima a cena? pensaci bene, ogni dettaglio può essere fondamentale….!

18 09 2009
Liviana

Carissima…. avevo mangiato una semplice insalata…… no, no, sono altri gli accadimenti che mi (ci) stanno facendo vivere un incubo, stavolta ad occhi aperti! 😦

18 09 2009
Fra Puccino

Chissà, perché, quando ho letto il tuo post, mi è venuta in mente la canzone che un tuo grande conterraneo ha dedicato alla prossima inaugurazione della nuova Grande Opera:
lo Spazioporto pugliese

“Grandi opere che iniziano ma che non finiranno maaaaaaaai”

18 09 2009
Liviana

Grande Frappy! Io adoro Caparezza. L’estate che uscì “Vieni a ballare in Puglia”, la sparavano in tutti gli stabilimenti e la gente saltava, divertendosi, senza neppure sentire le parole del testo.
Che parla di sfruttamento, ricatto, mafia…. e nonostante tutto di amore per la nostra terra.
E a tutti quei ragazzotti non gliene fregava francamente NIENTE.
Che tristezza!

18 09 2009
Liviana

La posto và, metti che qualcuno non la conosca:

18 09 2009
arthur

Beh, ammetto che se avessi fatto io un sogno come il tuo, come minimo sarei cascato dal letto e come massimo mi sarei sturato ben bene con la varechina e un cava tappi di quelli professionali le orecchie, per aver sentito un “meno male che c’è Sivio” di troppo… 😆 😆 😆

Brrrrrr… come ti capisco!!!

E per il premio… non ho capito, sei anche tu tra i premiati? 😉

19 09 2009
Liviana

Ciao Arturino! Sì, è stata davvero un’esperienza raccapricciante 😉
Per il premio mi sono semplicemente candidata con un post, quindi questa è una mera esperienza di raccattamento di voti (dato l’argomento del post mi è venuto spontaneo).
Buon weekend!

23 09 2009
Alfonso Mormile

E dopo aver visitato la tua nuova casa, eccomi a leggere di un tuo sogno. Chiaramente non proverò a spiegarlo perchè, come diceva l’immortale Freud, i sogni se li deve spiegare chi li sogna.
Ti lascio un abbraccio e vado a vedere cosa tratta il premio di cui nel tuo post. 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: